This option will reset the home page of this site. Restoring any closed widgets or categories.

Reset

Trasferire un malavitoso a Bomporto è un rischio troppo grande

Interrogazione Pd presentata dal Sen. Barbolini ai Ministri dell’Interno e della Giustizia.

Che cosa succederà se E.C. fosse trasferito nel modenese? A chiederlo è il Senatore Barbolini, del Pd di Modena, in merito alla decisione che potrebbe essere confermata dal tribunale di Santa Maria Capua Vetere di assegnare un lungo periodo di soggiorno a un noto malavitoso in località Sorbara, frazione di Bomporto ove peraltro già risiedono nuclei della stessa provenienza geografica.

A riguardo si sono già espressi il Sindaco del Comune interessato Alberto Borghi, e i primi cittadini delle città limitrofe di Nonantola, Ravarino e San Cesario, definendo assurdo che “una figura che ha rivestito un ruolo di spicco nel clan dei Casalesi venga trasferita in un territorio dove può intessere rapporti ed attività di tipo criminoso” dal momento che, secondo documenti trasmessi dal competente Comando dei Carabinieri al Comune di Bomporto, la persona in oggetto starebbe già operando per dare corpo a un “reticolo” di relazioni che sembrerebbero avvalorare le preoccupazioni precedentemente espresse.

“Rilevato che già in passato le presenze obbligate di esponenti della malavita hanno comportato problemi assai gravi proprio rispetto all’infiltrazione mafiosa nel territorio della realtà provinciale” afferma Barbolini, “si ritiene doveroso sottolineare come presenze di questo tipo concorrono a determinare insidiose ed inquietanti penetrazioni e radicamenti di malavita organizzata in un tessuto sociale, quale la provincia di Modena” inquinando fortemente la qualità della vita economica e del sistema di relazioni delle sue comunità.

Precisato che l’appello per una più approfondita valutazione circa la decisione da adottare non intende in alcun modo sollevare polemiche sulle prerogative e l’operato della magistratura, il Senatore del Pd sollecita dai ministri un tempestivo intervento “in concorso con le autorità più direttamente competenti” al fine di assicurare che una figura, coinvolta in gravi vicende giudiziarie della criminalità organizzata, resti lontana dal Comune di Bomporto e dalla Provincia di Modena.

Be Sociable, Share!

Commenti disabilitati.